• nato a Dortmund (Germania) nel 1953, in Italia dal 1975
  • dottorato in psicologia a Berlino, laurea in medicina a Ferrara, poi formazione psicoanalitica
  • vive a Ferrara e in Sudtirolo
  • lavoro prima come medico psichiatra, poi dirigente nel servizio sanitario italiano (fino al 2017)
  • prime esperienze di fotografia negli anni 60 – 70 con una Praktika e in camera oscura da un radiologo amico
  • ora impiega prevalentemente macchine Leica
  • socio del “Fotoclub Vigarano” (FE) e della FIAF
  • socio dell’associazione “Accademia d’Arte Città di Ferrara”
  • mostra fotografica individuale “Della fatica e della bellezza” nel Centro Fisioterapia “Girasole” (Ferrara, 2019-20)
  • mostra fotografica individuale “Venezia, solitudini contro” nella “Galleria del Carbone” (Ferrara, 2019) e nello “Spazio Arte Bejaflor” (Portogruaro, 2019-20)
  • autore dell’ “immagine del giorno” sul quotidiano “Alto Adige” del 21.12.2019

Giuseppe Pavone [Bari, 1955]. Ingegnere, si occupa di fotografa di paesaggio. Ha pubblicato diversi libri fotografci tra cui Ferrovieri e immagini, 2002; Sguardi oltre, 2003; Storia e Arte del cimitero monumentale di Bari, 2003; Viaggio parallelo, 2005; Lavori in corso, 2006; La luce del paesaggio, 2011; Un racconto dei luoghi, 2012; Herbarium, 2016; punti di fuga, 2018. Fondatore del Centro Ricerche per la Fotografa Contemporanea, dal 2005 conduce un’organica indagine sul territorio, con particolare attenzione alle periferie. In questo ambito ha curato e realizzato, con Enzo Velati, diverse pubblicazioni. A novembre 2014 viene invitato a Ravenna a tenere un intervento nell’ambito del Convegno di studi “Sguardi fotografci sul territorio: progetti e protagonisti fra storia e contemporaneità in Italia”, organizzato dalla SISF e dall’Università di Bologna. Con lo scrittore Lino Angiuli cura da alcuni anni il progetto foto-letterario Scatti di poesia, promosso dal Ministero per i Beni Culturali. Per la Cooperazione Territoriale Grecia-Italia 2007-2013, ha lavorato al progetto europeo Bridges of history and tradition sulla mappatura dei ponti del sud Italia.

Michele Nastasi (Milano, 1980) è un fotografo le sue ricerche e riflessioni sono dedicate alle città contemporanee, all’architettura e alla sua rappresentazione. Le sue fotografie e i suoi testi sono pubblicati in numerosi libri e riviste di settore, e ha esposto le proprie fotografie in sedi internazionali come il MIT Museum a Cambridge, la New York University a New York e ad Abu Dhabi, la Biennale di Venezia, il Festival di Fotografia Europea di Reggio Emilia. Dal 2007 è redattore della rivista “Lotus international”, ed è curatore di mostre. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia delle Arti all’Università Ca’Foscari di Venezia, e ha insegnato Fotografia per l’Architettura al Politecnico di Milano e in altre istituzioni.